Contributi per superamento barriere architettoniche

La Legge Regionale 16/2007 e la Legge 13/1989 prevedono dei contributi economici per il superamento e l'eliminazione di barriere architettoniche negli edifici privati e negli spazi privati aperti al pubblico.
In particolare la Legge Regionale 16/2007 ammette a contributo anche gli interventi finalizzati all'adattamento dei mezzi privati di locomozione.
I contributi sono rivolti ai cittadini residenti con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale o coloro che abbiano in carico fiscalmente i citati soggetti e che siano proprietari o locatari di edifici e spazi privati aperti al pubblico.
Dai contributi sono escluse le abitazioni secondarie.

Come fare

Il cittadino deve presentare:

  • i preventivi di spesa relativi all'intervento che si intende realizzare;
  • la documentazione attestante le condizioni di disabilità del richidente, o del componente il nucleo familiare;
  • la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà nel quale sono indicati:
  1. gli ostacoli alla mobilità che rendono necessario l'intervento
  2. che al momento della presentazione della domanda l'intervento non è ancora stato eseguito;
  3. che è stata (o non è stata) inoltrata domanda per lo stesso fine in riferimento ad altre leggi.

Successivamente, ai fini della liquidazione del contributo, sarà necessario presentare le fatture quietanziate e il certificato di regolare esecuzione lavori.

 La domanda va presentata in marca da bollo secondo il vigente regolamento (€. 16,00).